Il Mondo di Lexy

Recensioni, citazioni, scleri e chi più ne ha più ne metta 

LOGAN - Veronica Scalmazzi, Lovely Covers Graphic Design
"«A volte anche sopravvivere è come morire, Jay.»"
LOGAN - Veronica Scalmazzi, Lovely Covers Graphic Design
"Ci tocchiamo ingordi, impazienti. È una corsa contro il tempo, contro il desiderio di strapparci un pezzo di noi ancora una volta. Perché, per quanto Logan lo voglia negare, noi due ci apparteniamo.
Siamo l'uno l'incastro mancante dell'altro.
Siamo fuoco, aria, adrenalina, l'arma in grado di uccidere i nostri demoni."
LOGAN - Veronica Scalmazzi, Lovely Covers Graphic Design
"«Io ti amo, Logan» mormora, sfiorandomi l'incavo del collo con le labbra bagnate dalle lacrime.  
Il mio cuore smette di battere e i polmoni di pompare aria.  
«Jay» sospiro spiazzato dalla sua dichiarazione. 
Sono sotto shock, non posso credere a quello che ha detto.  
«Aiutami a dimenticare, aiutami a stare bene» mi supplica baciandomi con trasporto.  
Ricambio la sua disperazione affondando le dita nei suoi capelli, succhiandogli le labbra, duellando con la sua lingua avida ed esperta.  "
LOGAN - Veronica Scalmazzi, Lovely Covers Graphic Design
"Siamo fuoco che brucia di una nuova passione. Più profonda, più intensa.  Porta con sé il sapore di un sentimento vivo, travolgente, tenuto nascosto per troppo tempo ed esploso fra confessioni e corpi che si vogliono.
Siamo io e Jay, un "noi" insperato, ma che invece esiste. Lo sento nella frenesia delle sue mani che mi toccano, nelle nostre bocche che si cercano affamate. Attraverso il ritmo scalpitante dei nostri cuori.  
Gli afferro la nuca con una mano e mi spingo ancora di più nella sua bocca, sto impazzendo per lui. Di lui. Per le sue parole, per quello che mi ha dato confessandomi il suo segreto. Per quel Ti amo che sento addosso. Indistruttibile. Incancellabile.
"
LOGAN - Veronica Scalmazzi, Lovely Covers Graphic Design
"«Questa volta voglio essere io a prendermi cura di te.»  
 Gli prendo le mani fra le mie e gliele porto sopra la testa, mentre continuo a baciarlo con audacia e altrettanta dolcezza. Voglio gustarmi ogni secondo, fare l'amore con Jay e viverlo davvero. 
Voglio quel noi, cazzo! E ho tutte le intenzioni di prendermelo adesso. 
Interrompo il bacio sorridendogli, i suoi occhi sono distese nere che ardono di desiderio e di quel qualcosa in più che agogno disperatamente."
LOGAN - Veronica Scalmazzi, Lovely Covers Graphic Design
"Ho il suo corpo addosso, mentre mi tiene aperto e affonda con colpi lenti e misurati, ondeggiando il bacino. 
È la più incredibile delle torture, un intreccio carnale che si fonde con i nostri gemiti. Scivola sui nostri corpi sudati e ricoperti di olio profumato
È Jay che mi sta strappando l'anima mentre glielo lascio fare.  
Sono completamente andato, perso.  
Siamo due corpi caldi e vogliosi che si fondono insieme.  
Jay è mio e io sono suo.  
Lo sento spingersi sempre più a fondo, mi sta scopando ma anche facendo l'amore, tocca quella parte di me che mi fa godere in modo osceno.  
Si prende ciò che gli appartiene e lo fa senza freni, con sempre più veemenza perché noi siamo fuoco che brucia. Incontrollabile. Devastante.
"
LOGAN - Veronica Scalmazzi, Lovely Covers Graphic Design
Questo libro mi ha delusa e scoraggiata. Lo avevo iniziato spinta dalle recensioni positive lette sul web, soprattutto quelle entusiaste del blog tour in cui lo avevano descritto come M/M coinvolgente ed emozionante, che ti fa sciogliere il cuore e spinge ad amare incondizionatamente i due protagonisti ma purtroppo non è stato il mio caso, un vero peccato perché il libro aveva tutte le potenzialità per diventare uno dei miei preferiti infatti al contrario di altri self è scritto davvero bene, la scrittrice riesce con maestria a rendere il testo molto scorrevole e soprattutto a descrivere le scene più piccanti con abilità e senza cadere nel volgare, un pregio non da poco e che con un minimo di storia in più avrebbe reso tanto e la consapevolezza di questo... mi ha fatto infuriare ancora di più spingendomi a portare avanti la lettura per giorni e giorni, senza un vero interesse a scoprire il finale della storia. Spesso mi ritrovo di fronte a "scrittrici" con idee, anche originali e sensate, che su carta non riescono a mettere insieme una frase di senso compiuto distruggendo la loro opera e idea ma non è questo il caso, con l'abilità di Veronica e la sua scrittura bastava soltanto sviluppare meglio l'idea di base e olè, senza troppe difficoltà saremo stati di fronte un piccolo capolavoro invece qualsiasi idea originale viene soppiantata dalla solita storiella d'amore trita e ritrita condita con un po' di dramma e tanto erotismo. Avrei voluto vedere più l'introspezione dei due personaggi considerando che l'intero romanzo è diviso in Pov alternati soprattutto quella di Jay, fin da subito ci viene fatto capire che il giovane non è lo stronzo che pensa Logan, non è il bastardo che lo ha scopato per poi scappare come un coniglio ma un uomo che ha sofferto ed è stato costretto ad abbandonare il compagno per un motivo, è stato obbligato a vivere a contatto con il mondo della droga e vedere orrori indescrivibili, il non poter salvare quei giovani e soprattutto una povera ragazza finita nelle mani spietate di un trafficante senza scrupoli dovrebbero averlo distrutto emotivamente e fisicamente, non volevo sicuramente un personaggio che si piange addosso dalla mattina alla sera ma uno che porta i segni di quel trauma invece il personaggio è tranquillissimo, potevano metterci che era shockato per aver perso il suo gatto e sarebbe stata la stessa cosa, il fatto che lui abbia visto morire una persona non sembra turbarlo se non in due o tre scenette di "confessione" utili solo a spingere i due protagonisti ad andare a letto assieme, unendo l'amore al sesso, ma per il resto il trauma subito non sembra condizionare minimamente Jay, posso capire che molti potrebbero dire che lui è un agente, è abituato e sicuramente ha una sopportazione maggiore rispetto a un civile, ha già visto morire persone davanti lui ma per come ci viene presentato, dai flashback che possiamo vedere, lui non è rimasto indifferente alla morte della ragazza anzi, si sente in colpa, quindi dovrebbe condizionare un minimo la sua vita questa scelta invece sembra un Logan 2.0, la faccenda droga/morte viene tirata in ballo solo per creare scenette intime tra i due protagonisti e spiegare al lettore che non vanno solo a letto assieme ma si amano e...stop. Non vi è una evoluzione dei personaggi, un tentativo di superare insieme quel trauma che dovrebbe ossessionare in qualche modo Jay, è solo un
"Una ragazza è morta per colpa mia"
"Awwwww mi dispiace tantooo"
"Facciamo sesso che voglio dimenticare"
"Ok"
Non c'è un momento di raccoglimento e riflessione tra i due, posso capire il bisogno di creare uomini virili ma.... un minimo di emozione, Jay che si lascia andare confessando la cosa avrebbe dovuto tirare fuori il lato più nascosto dell'uomo, un lato umano e sensibile e a sua volta fare uscire quello di Logan non doveva essere solo un escamotage per farli scopare come ricci.
In questa storia manca completamente un lato psicologico e umano, tutto si riduce al sesso... punto. La metà del libro per non dire ¾ sono loro che fanno sesso o limonano come tredicenni e si può riassumere in questo schema
*Logan entra in una stanza*
Logan: "Ahhh quanto odio Jay, è stronzo, non lo amo e amerò mai, mi ha spezzato il cuore"
*Entra Jay*
*Sesso o pomiciata*
Jay: "Visto Logan? Sei mio ci apparteniamo!! Non puoi scappare"
Logan: "Noooo non ti amerò mai, mi hai spezzato il cuore e mi fai schifo"
*Logan fugge dalla stanza come una principessa Disney*
E il tutto si ripete alternando i luoghi, dalla palestra al bar.
A questo si aggiunge per pietà il solito tizio random che dovrebbe essere il terzo incomodo, Derek il quale decide di provarci a caso ignorando completamente il fatto che a Logan di lui non può fregare di meno e anzi, non fa altro che venire nei suoi pantaloni al solo sentire respirare Jay.
Viene anche presentato Brian che dovrebbe portare un po' di dramma e realtà nella vicenda essendo il fidanzato della tizia morta ma che di fatto non compare e... non fa niente, non si vendica, non fa scenate, semplicemente è un nome a caso, poteva essere il cane della tizia morta e il coinvolgimento emotivo sarebbe stato lo stesso.... pari a zero!
La prima parte del libro è così riassunta in litigio, sesso, litigio e la seconda... cerca di compensare la prima, l'autrice si è resa conto che il lettore doveva cercare di empatizzare con i due tizi e che farli scopare come tredicenni in calore non bastava quindi ci ha buttato la confessione del segreto oscuro di Jay, in un modo che non poteva essere meno toccante e coinvolgente neanche sforzandosi e poi... via di drammi random con la quasi morte di Logan e del padre... così... a caso... è tutto affrettato, troppo spinto sul lato sessuale, non che ci sia nulla di male, anzi, il problema è che si può usare il sesso per sviluppare i personaggi, ci sono romanzi erotici che riescono allo stesso tempo a sviscerare i loro protagonisti completamente quindi il non approfondire la psicologia dei due non è giustificato, di fatto una volta terminata la lettura l'unica cosa mi è rimasta sono i momenti sessuali tra i due, non mi è rimasto impresso un momento di apertura e condivisione del dolore o un momento intimo/romantico. In teoria dovrebbero aver sofferto entrambi uno per essere stato costretto a entrare in un mondo orrendo e crudele, a vedere la morte di giovani innocenti e l'altro per non essere riuscito ad accettare la sua omosessualità e viverla senza sensi di colpa, due dolori diversi ma comunque forti, ci poteva essere un contatto, i loro dolori uniti e sconfitti solo insieme e invece tutto è forzato, i due si mettono insieme dopo una scenetta finto drammatica e il "Stiamo insieme" è strappato a forza dalle labbra di Logan senza che questo abbia avuto il tempo di riflettere e meditare sulla "bomba" che Jay la notte prima gli ha lanciato addosso. Per poi passare al ridicolo "Sono cinque mesi che io e Jay stiamo insieme" ma cosa? Cosa è successo in questi cinque mesi? Perché passi dal loro fidanzamento, neanche fatto bene, al stiamo insieme da mesi quindi lettori fate finta che siamo innamoratissimi e non chiedetevi altro" Insomma...tagliando le lamentele, è stata una vera delusione. L'idea era perfetta, lo stile di scrittura c'era, l'abilità c'era eppure tutto si perde e mi è sembrato di leggere la versione NC-18 di alcune fan fiction su Wattpad. Ho visto che molti sono rimasti entusiasti ma non è il mio caso, volevo e mi aspettavo di più e non trovandomi di fronte le solita novellina quindicenne che vuole parlare di sesso senza aver neanche mai visto un pene, potevo avere di più. Non metto meno di 3 stelle perché non è scritto male e ci sono idee interessanti anche se non sviluppate come si deve non mi sento però di consigliarlo o meglio, se cercate solo un romanzo erotico e vi frega poco dello sviluppo personaggi può essere perfetto anzi, troverete non solo la componente piccante ma anche un accenno di trama e psicologia quindi vi piacerà molto, se cercate altro come me invece.... preparatevi a rimanere delusi ed evitatelo!
Un rifugio in gabbia - Tempeste O'Riley, Cristina Fontana

Quando ho saputo dell'uscita di questo libro ho iniziato letteralmente a contare i giorni e una volta avuto nelle mie mani l'ho iniziato subito. La trama era ai miei occhi molto intrigante e i temi trattati delicati e complessi, inusuali per un M/M, non tanto per la scelta di inserire un personaggio disabile come protagonista, cosa ormai abbastanza comune, piuttosto quella di associare la disabilità al Bdsm, una scelta atipica e per i più vista quasi come un tabù, una decisione sicuramente coraggiosa e rischiosa. Ho iniziato a leggere carica di speranze e paure, temendo di ritrovarmi personaggi stereotipati, situazioni assurde e... offensive nei confronti non solo di persone realmente disabili ma anche dl Bdsm e il suo mondo, sempre più visto come un cliché il tizio pazzo che frusta l'altro tizio pazzo e masochista, insomma molte paure e aspettative e... ora che l'ho finito... mi sento strana e quasi non so che dire. Non fraintendetemi, il libro è adorabile. I personaggi mi sono piaciuti  fin dalla prima comparsa. Kaden è un tesoro, il classico bravo ragazzo, timidissimo e dolcissimo che fa venire al lettore un'infinita voglia di proteggerlo, coccolarlo e stringerlo per difenderlo dal mondo, ha sofferto molto nella vita, è stato infatti aggredito crudelmente e costretto a vivere il resto dei suoi giorni su una sedia a rotelle, questa condizione lo ha spinto a chiudersi in se stesso per timore di essere ferito nuovamente dal mondo e soprattutto a rinunciare al suo sogno di trovare un Dom in quanto la sua condizione non gli permette di poter servire come si deve un master. Si ritrova ad essere costantemente infelice, ha pochi amici e dedica la maggior parte del suo tempo al lavoro. Un ragazzo tenero e fragile e alla costante ricerca di amore e comprensione, di una speranza per una vita migliore, una vita felice. Sono queste cose che gli piovono addosso come una manna dal cielo dopo l'incontro con Deacon. Deacon è.... l'AMORE, dimenticatevi i dominatori dei poveri stile Cristiano Grigio che nascondono sotto quell'aria da amante premuroso una personalità da psicopatico maniaco del controllo! Deacon è si un dominatore, un uomo che sa quello che vuole e segue tutti i dettami del mondo BDSM imponendosi con i giusti metodi sul compagno ma anche e soprattutto un UOMO, dolce e sensibile, che non vuole ferire il compagno né usare la violenza e prepotenza per imporsi, un uomo che fin dal primo momento riesce a vedere dentro Kaden, osservandolo davvero, rendendosi conto di quanto il giovane abbia bisogno non solo di un Dom da servire ma anche di un amico, un amante, un confidente, un uomo che lo aiuti a sconfiggere i suoi demoni e le sue paure, nate dall'incidente che gli hanno portato via l'uso delle gambe impedendogli anche i gesti più semplici per un sottomesso ma non solo, anche dall'ignoranza della gente, la stessa gente che gli chiede come possa lavorare su una sedia a rotelle, come se per fare il dentista servissero un paio di gambe funzionanti e dalla crudeltà di persone come Gary, l'ex stronzo che non faceva altro che impartire punizioni crudeli e ricordare a  Kaden  come fosse inferiore agli altri sottomessi e non potesse meritare di meglio se non la pietà. Deacon è un uomo meraviglioso e non usa la disabilità del compagno a suo vantaggio anzi, è lui il primo ad arrabbiarsi quando il partner si preoccupa troppo della sua condizione e si piange addosso, non è forse il classico principe azzurro romantico delle fiabe ma è comunque un uomo che riesce a dimostrare fin dal primo momento il suo amore per il compagno, lo fa con gesti semplici, come quello di comprare un cuscino o preparare la colazione a letto e con gesti... straordinari, come quello di far sentire dopo tanto tempo Kaden un essere umano, un sottomesso bellissimo e coraggioso non solo in camera da letto, nella stanza dei giochi ma anche nella vita di tutti i giorni, come quando lo spinge ad esporsi ammettendo chi è davanti ad altri sottomessi e dominatori o come quando lo coinvolge in un dolce ballo alla faccia di tutto e tutti, lo fa con dolcezza e tenerezza, con infinito amore e passione, ogni parola e ogni gesto del Dom è studiato perfettamente per aiutare il suo Sub a uscire dalla prigione che si è costruito negli anni, ad aiutarlo a vivere una vita felice e completa. Ho amato il modo in cui i due protagonisti sono riusciti ad interagire tra di loro e costruire il LORO rapporto, un rapporto dolcissimo seppur inusuale e assurdo per i più, un rapporto fatto di AMORE e RISPETTO reciproco in cui Kaden stesso chiede di sottomettersi al compagno e quest'ultimo accetta la sua sottomissione e si comporta di conseguenza, senza ricorrere ad abusi o violenze. Tutto l'opposto di romanzetti come 50 sfumature in cui è il signor Grigio a scegliere di frustare la compagna sapendo quanto questa soffrirà per la sua scelta. Ogni SCELTA in questo romanzo invece è sana e consensuale e ho apprezzato il modo in cui viene spiegato il Bdsm, finalmente con il giusto rispetto! Senza cadere nei cliché ignoranti di certi "libri". Mi è piaciuta l'evoluzione e la maturazione che hanno avuto entrambi i protagonisti, il modo in cui il BDSM ha plasmato il loro rapporto, Kaden che da timido sottomesso incapace quasi di tirare fuori la propria voce per difendersi dalle offese riesce ad uscire allo scoperto, presentarsi come un Sub non vergognandosi di se stesso e sentendosi orgoglioso del suo modo speciale di essere un sottomesso non permettendo agli altri di offenderlo o insultarlo per la sua diversità e Deacon che decide di legarsi con il corpo e l'anima a Kaden reinventando se stesso e adattando le sue abitudini al compagno, seguendo i suoi tempi e ritmi. Il rapporto e lo sviluppo tra i due ragazzi è curato alla perfezione e le scene erotiche sono piccanti al punto giusto e non risultano mai volgari o offensive  ma anzi riescono a trasmettere tutto il calore e l'amore che caratterizza la relazione. Tutto è ben studiato e curato e ho apprezzato non solo i due protagonisti ma anche Jake e Sam, gli amici della coppietta, simpatici e buffi al punto giusto eppure... qualcosa manca, durante la lettura mi sentivo coinvolta e mi sono emozionata ma c'è qualcosa che mi è mancato e stranamente non so identificarlo con certezza. Forse il fatto che non vi sia una struttura, una trama organizzata che ti spinga a continuare fino in fondo la lettura, non vi è un "obiettivo" della coppia è più uno spaccato di vita e seppur con un finale "chiuso" non mi ha dato molto su cui fangirleggiare, non ci sono momenti intimi forti tra i due, mi sarei aspettata qualche litigio o almeno UN litigio, un confronto sull'incidente di Kaden, sul suo modo di vivere, sulla sua ansia e invece nulla, tutto fila liscio ed è forse proprio questo che mi ha disturbato, amo quando nei libri ci sono protagonisti che "sbagliano" che si espongono e sono disposti a rimediare ad eventuali errori, qui non avviene, lo stesso Deacon è perfetto.... forse anche troppo perfetto, nonostante abbia amato ogni suo singolo gesto mi ritrovo a pensare "Possibile che sia così perfetto?!" avrei voluto vedere un piccolo crollo nel personaggio, magari un momento di insicurezza vista la condizione del suo sottomesso. Avrei voluto un confronto tra Kaden e Katie, Katie è la migliore amica di Kaden, l'unica che sembra preoccuparsi per lui , gli ha trovato il Dom/fidanzato!! Eppure la ragazza non sa niente dell'amico, neanche lui sia un sottomesso e ci sta... ma fino a un certo punto, avrei voluto anche solo una piccola discussione tra i due, una piccola confessione e invece la migliore amica viene lasciata all'oscuro di tutto come se fosse normale e mi ha disturbato perché questa scelta non è giustificata dalla trama e soprattutto dalla caratterizzazione del personaggio, una ragazza dolce e gentile che mai giudicherebbe male Kaden per le sue preferenze sessuali e intime. Dettagli piccoli che sommati insieme probabilmente formano quel grande motivo che ha ridotto la valutazione di una stella. Nonostante tutto mi sento di consigliarvelo, la lettura è piacevole, i personaggi simpatici e tenerissimi e il bdsm trattato con cura e attenzione, se amate il genere, non vi disturba il sesso, il Bdsm e soprattutto scene di sesso a quattro... andate sul sicuro in caso contrario... evitatelo che è meglio! 

Quando tutto il mondo dorme - J.A.  Rock , Lisa  Henry, Raffaella  Arnaldi
"«Hai sognato di addormentarti?» gli chiese Daniel.«Insieme a te.» Bel sorrise. «Ed era strano. Sai cosa ti dicevo?» «Cosa dicevi?»«Dicevo: “Non andare troppo lontano senza di me”.» Daniel gli strinse la mano. «E io obbedivo?» Bel alzò le spalle. «Non lo so. Poi mi sono svegliato.» «Be’,» rispose lui piano, appoggiandosi allo schienale. «Cercherò di non farlo, per tua informazione.» «Penso che ti seguirei ovunque.» «Non capisco perché.» «Sì che lo capisci.» «Perché ho bisogno di essere sorvegliato?» «Perché una volta venivi da Harnee e io sentivo che eri diverso.» «Ero addormentato.» Bel annuì e lo guardò. Sperava di riuscire a dire quello che aveva in mente senza sembrare un idiota. «Ma eri sempre tu.»"
Quando tutto il mondo dorme - J.A.  Rock , Lisa  Henry, Raffaella  Arnaldi
"«Ci sono degli aspetti bellissimi in te, che tu sia sveglio o no. Sei l’uomo più coraggioso che abbia mai incontrato.» Abbassò lo sguardo. «Scusa, cercavo di essere romantico e invece ti ho fatto sentire di merda.»«Non mi sento di merda.» Daniel gli fece un sorriso. «Sono felice. E posso preoccuparmi dopo del fatto che me lo merito o no.» «Te lo meriti. Fidati di me.»"
Quando tutto il mondo dorme - J.A.  Rock , Lisa  Henry, Raffaella  Arnaldi
"«Lo zio è arrivato. Vado a salutarlo. Tu rimani qua, se ti va.» «Scherzi? Se tu segui me, io posso seguire te, ragazzo di Harnee.» Bel rise e gli porse la mano. Lo attirò a sé e appoggiò le labbra sulla sua mascella, poi gli mordicchiò l’orecchio. «Provalo,» sussurrò. Si incamminò con Daniel al fianco, entrambi con un sorriso sul viso. Insieme, come era giusto che fosse."
Quando tutto il mondo dorme - J.A.  Rock , Lisa  Henry, Raffaella  Arnaldi
"Da Logan non voleva più nulla. Non gli importava se quella era una fuga. Aveva cercato di affrontare i propri demoni e aveva fallito. Lo avevano battuto. Bisognava capire quando era il caso di mollare, o no?E poteva essere una sorta di vittoria, giusto? Voltare le spalle a un posto che lo avrebbe sempre odiato.O forse stava solo giustificando la propria codardia?Il più coraggioso figlio di puttana di Logan. Magari sarebbe stato più coraggioso altrove. Quel posto lo spaventava.«Daniel?» Guardò di nuovo verso Bel. «Probabilmente qua non c’è più molto per me.» Lui annuì. «Io verrei via con te. Ovunque volessi andare.»"
Quando tutto il mondo dorme - J.A.  Rock , Lisa  Henry, Raffaella  Arnaldi
"«Tu ti preoccupi troppo.» Daniel rise. «Ho ottime ragioni per farlo»
«E altrettante ragioni per rilassarti e lasciarti amare,» disse Bel sottovoce. Daniel si immobilizzò. L’altro passò il pollice tracciando dei circoli alla base del suo collo. «Anch’io ti amo, Bel. Ci penserò su, se tu vuoi.» «Se tu vuoi.»Lui fece un’altra risatina imbarazzata. «A volte mi piace fare quello che vuoi tu.» Bel si chinò e lo baciò lungo l’orecchio. «Ma davvero?» Trattenne il respiro. Aveva chiesto a Bel di non fargli male, e lui aveva risposto che non avrebbe più avuto il comando. Ma Daniel sperava potesse capire. Non gli stava chiedendo di procurargli dolore, né di metterlo in una posizione sottomessa, ma… «Sì.» Si allungò dietro di lui e gli prese la mano, portandosela alla bocca. Baciò un polpastrello, poi lo prese in bocca. Udì il suo respiro accelerare. Lasciò andare il dito. «Tutto quello che vuoi.» Si girò e lo guardò. «Persino…» Si bloccò. Desiderava offrirsi di succhiarglielo, ma ancora non era sicuro di poterlo fare. E pensava che a Bel non sarebbe piaciuto sentirsi proporre qualcosa che lui stesso non gradiva. Sorrise per fargli capire che stavano giocando. «Tutto quello che vuoi,» ripeté.
"
Quando tutto il mondo dorme - J.A.  Rock , Lisa  Henry, Raffaella  Arnaldi
"Non gli importava che Clayton e i suoi amici lo avessero legato e messo sott’acqua a morire. Non gli importava di tutte le volte che si era ammanettato ed era rimasto steso a letto impaurito, solo e in preda al dolore. Quello era differente. Era una cosa buona. Voleva dire che lui apparteneva a Bel, e anche a se stesso, perché era una sua scelta. Amava tutto ciò. Amava Bel"
Quando tutto il mondo dorme - J.A.  Rock , Lisa  Henry, Raffaella  Arnaldi
"«Vuoi farti una doccia calda da me?» «Mi lavi la schiena?» «Laverò ogni centimetro del tuo corpo, cavolo. Ti piace come idea?» Daniel sorrise. «Sì, Bel.» «Allora aspettami. Torno tra poco.» Bel lo baciò di nuovo e si alzò.«Non andartene,» disse da sopra la spalla. Non me ne vado da nessuna parte, Bel. Non senza di te"
Quando tutto il mondo dorme - J.A.  Rock , Lisa  Henry, Raffaella  Arnaldi
"«Sai che cosa fai quando tutto il mondo dorme?»Mi scopo qualsiasi cosa. Uccido gente. Faccio pazzie.«Parli un sacco. Parliamo un sacco.» «Sì?» «Già.» Bel lo disse a bassa voce. «Tu disegni e parliamo.»"