SPOILER ALERT!

Recensione Film - L'A.S.S.O. nella manica - The Duff (Visto il 20.08.15)

— feeling love

Ok, lo ammetto, sono partita mooolto prevenuta nei confronti di questo film e questo perchè mai e poi mai mi sarei aspettata di adorarlo così tanto. Appena ho visto il trailer ho subito pensato "Eccolo, un nuovo film  adolescenziale! Ricco di ormoni, lacrimucce e buoni sentimenti con  ochette e figoni!", ero così prevenuta che solo la mia migliore amica Daniela è riuscita a convincermi a dargli  un'occasione e... non posso fare altro che ringraziarla per questo.

 

Il film racconta la storia di Bianca Piper, la ragazza frequenta l'ultimo anno del liceo, ha due migliori amiche, un ragazzo che le piace (e al quale non osa rivolgere la parola), dei buoni voti ecc la sua vita sembra essere quella di una normale ragazza della sua età almeno fino non scopre per caso, durante una festa, di essere l'A.S.S.O. (Amica Sfigata Strategicamente Oscena), la classica ragazza bruttina che le altre si portano dietro per apparire più carine e popolari. Questa rivelazione inattesa cambierà radicalmente la vita della giovane, Bianca che infatti dopo essersi accorta di non essere minimamente calcolata dal resto della scuola e di apparire quasi trasparente agli occhi del mondo decide di chiedere aiuto al suo vicino di casa Wesley Rush (detto Wes), bel ragazzo, grande playboy e giocatore di football, in cambio di ripetizioni per evitare di perdere la borsa di studio Wes dovrà aiutare l'amica a rinnovarsi così da portersi finalmente levare l'infame etichetta che le è stata imposta

 

Insomma già dalla trama si capisce dove si andrà a parare, quale sarà la coppietta per cui fare il tifo e come probabilmente finirà la vicenda ma non è questo che mi ha colpito. Mi è piaciuta fin da subito la protagonista femminile, Bianca nonostante sia la sfigatella non si comporta come tale, è una ragazza ironica, un po' pessimista ma comunque con una personalità ben definita, in troppi film troviamo la ragazza bambola, che non osa fiatare, che non ha passioni o e troppo timida per dimostrare una personalità, Bianca invece è una ragazza normale, che riesce in poco tempo a distinguersi, non è una che sembra essere rimasta reclusa in casa per anni come certe "eroine" moderne, riesce ad essere sicura di se senza piangersi per forza addosso per tutta la durata del film, questo l'ho apprezzato moltissimo. Vedere certe ragazze incapaci di camminare, che piangono per metà film e sembrano rimaste recluse in casa senza sapersi neanche dare un filo di trucco è oltre che irreale, stupido... molto stupido.... per fortuna non siamo caduti in questo pesante cliche e sono felice di questo, finalmente qualcuno di NORMALE!

 

Anche il protagonista maschile mi ha fatto impazzire, addio bel tipo senza personalità che pensa solo allo sport o alle ragazze, Wesley dimostra di avere si una passione per entrambe le cose precendentemente citate ma riesce anche ad avere in mente altro, ad essere gentile e non il classico e famoso stronzo che deve per forza umiliare i più deboli, riesce a dare una mano a quella che si può considerare una "nemica" e ad aiutarla quando nessuno sembra in grado di farlo, davvero molto bello come personaggio, finalmente un messaggio positivo! Non tutti gli uomini devono essere stronzi alla Christian Grey per fare colpo, meditate gente, meditate!

 

Ho apprezzato molto il fatto che per una volta i protagonisti sono realmente destinati a stare insieme e questo non solo perchè si conoscono già ma anche perchè si aiutano e nonostante il loro stuzzicarsi sembrano quasi amici, si cercano in qualche modo di difendere a vicenda ad esempio è divertente e carinissima la scena in cui Wes se la prende con un ragazzo perchè ha preso in giro Bianca e gli impone di non far vedere ad altri il video <3


 

"Nessuno deve più vedere quel video, dillo a tutti quanti"

"Ma io non conosco molta gente"

"Beh... allora fa nuove amicizie e diglielo!"

 

 

Questo vuol dire che è perfetto? Assolutamente no? Ci sono molti tempi che purtroppo vengono trattati con superficialità o meglio non vengono quasi toccati ed essendo il film diretto verso un pubblico di adolescenti vittime di certi comportamenti o problemi beh... è un peccato, messaggi positivi potrebbero servire se inclusi in certi film invece... nulla.

Primo fra tutti il tema del bullismo e cyberbullismo, Bianca infatti viene ripresa mentre si sta divertendo insieme all'amico/nemico, mentre sta provandosi vestiti e giocando con un manichino (fingendo che lui sia il ragazzo per cui ha una cotta), il video viene ben presto pubblicato e diventa virale, la protagonista rimane scioccata dalla cosa e questo la porta ad avvicinarsi al vicino di casa ma il problema realmente non viene toccato, la scuola decide di sequestrare i telefoni, tablet e dispositivi elettronici dei ragazzi ma il colpevole non viene individuato o punito, questo mi ha indispettito, almeno sul finale sarebbe stato bello il colpo di scena... del colpevole punito ed individuato invece c'è il preside che sequestra i telefoni volendoci vedere chiaro e poi PUFF tutto sparito, la stessa protagonista utilizza il video per attaccare bottone con il tipo che le piace... cosa assurda e molto brutta a mio avviso, sono molti i ragazzi vittima di questo tipo di bullissmo e mi sarebbe piaciuto vedere un pugno duro anche solo della scuola invece nulla... che tristezza!

Altra mancanza è l'introspezione dei rapporti familiari dei due protagonisti, sappiamo che la madre di Bianca ha divorziato, è entrata in depressione ed è riuscita a rialzarsi sfruttando il divorzio per scrivere libri di Auto aiuto ma la situazione tra i genitori e Wesley viene solo accennata... considerando che sono molti i giovani a vivere in famiglie problematiche sarebbe stato positiva una piccola attenzione in più.

Anche il tema principale delle etichette è un po' lasciato al caso durante il film anche se fortunatamente viene ripreso con il discorso di Bianca

 

"Wesley non mi lascerebbe mai in asso per un A.S.S.O."

"Uh Madison, una volta mi sarei incavolata ma ora provo solo pena per te, si...sono l'A.S.S.O di qualcuno ma tanto lo sei anche tu, come tutti in fondo, perchè ci sarà sempre qualcuno più carino, più talentuoso o più ricco di te, conta solo quello che pensi di te stessa. Tu etichetti gli altri perchè vuoi controllarli ma... così ti perdi tutte le cose belle che ti circondano, hai Wesley e... lo tratti come uno stupido ma non lo è, lui non piace agli altri perchè sta con te ma perchè è un ragazzo straordinario, senti... io mi piaccio come sono,non vorrei essere nessun'altra e ora capisco che tutto questo non ha importanza per me ma ce l'ha per te, è il tuo sogno e hai tutto il mio appoggio solo... non permetterti di insultarmi perchè me ne sbatto delle tue etichette perchè alla fine... sono senza senso"

 

Nonostante tutto il film è davvero carino e ben fatto, è impossibile una volta iniziato non vederlo fino alla fine e anche se l'happy ending è risaputo fa comunque piacere vederlo (anche solo per vedere la faccia scioccata della "simpatica" arpia antagonista)

 

Per non parlare del baciuzzo finale <3 W i feels <3

 

"Non vai a prenderti la tua corona?"

"No... mi prendo la ragazza!"

 

Insomma il film ha i suoi pro e contro, non è sicuramente un capolavoro del genere ma riuscirà comunque a strappare qualche risata e sorriso e a conquistare la sua fetta di pubblico. Non ho ancora avuto modo di leggere il libro, quindi non posso ancora esprimermi su somiglianze o altro... credo lo leggerò presto sperando di ritrovare i temi sopra citati più curati ed approfonditi. Mi posso limitare a consigliarlo, se però non amate particolarmente certe commedie e certi teenmovie tenetevi a distanza, se cercate un film per riflessioni filosofiche sulle etichette imposte dalla società beh... siete nel posto sbagliato!