Recensione - Il mio libro sbagliato di Greta Menchi

— feeling cold
Il mio libro sbagliato - Greta Menchi

Seguo da un po' di tempo il canale di Greta Menchi e devo dire che nonostante i video siano palesemente rivolti a un pubblico più giovane, soprattutto agli adolescenti, mi sono sempre piaciuti, al contrario di altre Youtubers di successo ho sempre apprezzato il fatto che la Menchi nonostante il numero sempre maggiore di iscritti non si sia montata troppo la testa rimanendo più simpatica e spontanea rispetto a colleghe sue coetanee, motivo per cui sono stata attirata come una calamita dal suo libro. A partire dal booktrailer simpaticissimo, tutto mi faceva pensare a un libro must have, colorato e pieno di aneddoti spassosi, è stata quindi grandissima la delusione una volta terminata la lettura.

Questo libro è... strano... difficile da inquadrare, tanto che il titolo "Il mio libro sbagliato" è quantomeno azzeccato.

Greta non parla di se, non ci racconta della sua vita e allo stesso tempo non scrive un manuale, nemmeno un romanzo (come ha fatto di recente Cleo Toms) bensì scrive cose... a caso.

Scrive tantissime cose sconnesse tra di loro, passa dal raccontare alcuni sogni strani che ha fatto al descrivere i tipi di persone che incontri sui vari social, dal descrivere i classici comportamenti femminili e maschili al parlare delle cose che contiene la sua borsa. Viene fuori un minestrone che mi ha lasciato con l'amaro in bocca. La struttura del libro non sarebbe neanche così tremenda, è un volume infatti completamente a colori e ricchissimo di immagini e foto, perfetto da inserire come cartaceo nella libreria ma l'ho trovato davvero troppo incasinato. Mi è quasi sembrato forzato, come se qualcuno le avesse detto "Ehi guarda che va di moda scrivere libri, sei famosa, vogliamo 100 pagine di materiale per il giorno XY" e lei avesse preso delle pagine a caso dal suo diario/libro degli scleri, pagine che tutti noi possiamo scrivere, a chi non è mai capitato almeno una volta nella vita di appuntare qualche sogno strano o qualche pro e contro dei social, degli uomini o delle donne... tutti quanti abbiamo almeno una volta preso in mano una penna (o una tastiera) e scritto qualcosa per sfogarci, eppure MAI a nessuno verrebbe in mente di prendere quelle stesse pagine e pubblicarle, perchè sarebbe qualcosa di ridicolo. Adoro Greta ma sul serio... leggere dei tipi di persone che usano Whatsapp, Twitter o Facebook è inutile e RIDICOLO, anche perchè il web è pieno di pagine che raccolgono certe cose, di classifiche dei vari tipi di persone nel web e nel mondo, delle top 5 più disparate ecc quindi PERCHE' riportare tutto in un libro anche non troppo economico (l'ebook costa ben 8,99 euro!)? Avrei accettato un libro un po' comico e un po' manuale ma per lo meno avrei voluto sapere qualcosa in più sulla vita di Greta... non per forza tutta la sua vita ma un mix tra biografia e libretto comico ci poteva stare qui sono solo appunti, frammenti di quelli che in alcuni casi credo essere persino articoli tratti dal web quindi, super bocciato! Potete leggerlo se ne avete la possibilità, di certo non vi ucciderà o ferirà a morte (al contrario di altri aborti letterari) ma ne sconsiglio l'acquisto, evitate di perdere soldi anche perchè dopo la lettura non rimane assolutamente nulla e molte delle cose scritte si possono vedere GRATIS nei suoi video su Youtube.

Consigliato quindi soltanto ai fan più accaniti che proprio non possono fare a meno di baciare la terra su cui la Menchi cammina