Recensione - The Selection di Kiera Cass

The Selection - Kiera Cass

 

Finalmente ho letto The Selection! Dopo secoli e secoli di ripensamenti, dopo essermi ritrovata più e più volte l'ebook sul Kobo, averlo inserito in TBR e soprattutto dopo aver spettato il finale vero e proprio, mi sono buttata nella lettura.

The Selection è un libro che non si può certamente definire una meraviglia, moltissime cose sono messe lì a caso, buttate in pasto ai lettori senza essere minimamente spiegate nel corso del romanzo, ci viene presentata una presunta distopia che di distopico ha ben poco, che farebbe impallidire Orwell, una selezione alla Uomini e Donne con il tronista Maxon, la Tina Cipollari America e le corteggiatrici... se a questo aggiungiamo una scrittura degna di Efp e Wattpad messi insieme ci rendiamo presto conto di quanto questo libro sia imbecille e privo di senso, di come la lettura non ci insegnerà nulla, non ci lascerà un messaggio profondo o insegnamento ma servirà solo a far passare una giornata tranquilla tra una risata e un "Ma che sto leggendo?!"

Insomma di elementi per definirlo un libro di merda ce ne sono tanti compresa l'educazione della scrittrice che non ha esitato a prendersela con una povera ragazza che aveva solo osato criticare la sua opera definendola senza vergogna "bitch" e quasi bullizzandola sul web eppure, chiamatemi fessa ma questo libro mi è piaciuto, oltre ogni aspettativa mi è piaciuto, è un po' il mio guilty pleasure e che mi è piaciuto nonostante tutti i difetti. Potrei cercare di parlarvi dei lati positivi peccato che gli unici lati positivi che abbia trovato è che è simile a una fan fiction e quindi scorrevole e certe scene sono così no sense che fanno ridere... punto... questi due elementi sono gli unici positivi perchè il resto è... fuffa.

La protagonista parte abbastanza bene e con carattere peccato che questo carattere finisca presto nel cestino sostituito dallo struggimento supremo per l'ex ragazzo e in seguito per Maxon, altro che paladina delle caste inferiori, questa è una adolescente che piagnucola per quale sia il suo vero amore e che si dimentica completamente dei problemi del mondo fuori dalla selezione! Maxon è un bamboccio, tropo buono e smielato, stesso discorso per i due sovrani che sembrano essere delle caramelline, dolcissime. Io odio i personaggi troppo stronzi ma ci rendiamo conto che questa dovrebbe essere una distopia? Che ci dovrebbero essere dei super cattivi e addirittura non si esita a frustare poveri bambini se osano rubare una mela? Dov'è tutta la cattiveria? Con un clima del genere Maxon avrebbe dovuto essere un personaggio più incisivo, con una vena sadica, non per forza un Christian Grey ma di certo un uomo con del carattere non un bamboccio che piange a sentire che ci sono persone che soffrono la fame nel suo regno!! Credo sia giusto adeguare il carattere del personaggio anche al contesto in cui è presentato, non ha senso un re e una regina che sembrano amabili e gentili e un principe tenerone in un paese classista, stronzo nel midollo dove non si è neanche liberi di fare un lavoro, di stare insieme a chi si ama senza pagare una "tassa"! Non ha senso! Insomma di cose negative ne potrei dire fino a domani, dovessi analizzare ogni dettaglio il voto sarebbe -2000 stelle però.... non riesco a non guardare questo libro con affetto, è come se mi trovassi davanti a un gattino, non riesco a non trovarlo simpatico, è più forte di me, sarà che mi ha accompagnato per anni nell'ebook reader o che a momenti è comicamente trash fatto sta che non mi sento di massacrarlo (non ulteriormente almeno). E' un libro che consiglio? Ma anche no! E' una fan fiction pubblicata, non so se la Cass aveva pubblicato in origine questo libro come fan fiction o se è stato pubblicato fin da subito fatto sta che volente o nolente è al pari di una storia di efp, la lettura è banalotta, sai fin da subito che sarà lei la fortunata vincitrice, lo capisce dal primo secondo che ci sarà l'happy ending prima o poi quindi non c'è neanche la voglia di scoprire chi sarà la vincitrice, avrebbe sicuramente avuto più senso un punto di vista corale, anche se più difficile da sviluppare avrebbe potuto far crescere il dubbio nel lettore essendoci più protagoniste papabili invece il libro è di America... chi vincerà mai... ohhh forse America? Che dite? Insomma c'è molto di meglio, se ne avete l'opportunità una lettura non farà male e sicuramente in alcuni momenti vi farete due risate, l'attacco dei ribelli potenziali leghisti mi ha fatto troppo ridere XD il dramma nel descrivere una scena in cui non succede nulla è quasi epico, meriterebbe la lettura già solo per questa scena ma se dovete spenderci soldi evitate, ho visto che su Wattpad ormai spopolano strorie The Selection centric e di sicuro essendo gratis saranno anche più interessanti di questa... cosa trash! Consigliato solo a chi può leggere la storia a scrocco o agli amanti del "genere" fan fiction