Recensione - I still love you di Cristina Chiperi

— feeling angry
I still love you - Cristina Chiperi

Mamma mia quanto mi ha irritato questo libro! Non mi aspettavo molto in realtà, dopo aver letto il primo volume della trilogia My Dilemma is you ormai avevo capito lo stile della Chiperi e dopo neanche un anno non mi aspettavo chissà che miracolo nello stile di scrittura, puntavo piuttosto sullo stile fan fiction... cercavo una storiella simpatica, da leggere in poco tempo, qualcosa per staccare il cervello e... mi sono ritrovata questo aborto letterario!

L'unica nota positiva del libro è ironicamente lo stile di scrittura che è effettivamente un po' migliorato, c'è però da dire che ormai la Chiperi sarà stata affiancata dalla casa editrice a qualche ghost writer che l'aiuta a mettere insieme due frasi di senso compiuto e questo spiegherebbe anche perchè al contrario della trilogia My dilemma questo libro non è stato stranamente pubblicato integralmente o quasi su Wattpad se non per qualche estratto, sicuramente sarà stato programmato e scritto in collaborazione con la casa editrice che è riuscita a salvare il salvabile peccato che tutto ciò non basta! La storia è banalissima, la ragazzina che è innamorata da millenni del migliore amico e si avvicina a un altro ragazzo per farlo ingelosire innamorandosi inaspettatamente di lui e rinnegando l'amore che diceva di provare, nonostante la banalità si poteva comunque giocare un po' con i caratteri dei personaggi, approfondire l'amicizia tra i vari protagonisti, dimostrare ai giovani come non sempre quello che si prova è amore vero ma solo una cotta, ci sono molti giovani che si ritrovano in questa "friendzone" e questo libro poteva dare loro un messaggio positivo e far magari capire che non sempre una cotta è puro amore e che si può rimanere amici, affrontare questa cotta se ci si confida con VERI amici magari, insomma si poteva cercare di aiutare i più giovani a cui è palesemente indirizzato il libro invece no, tutto si riduce a una tonta che piagnucola per metà libro rompendoci le scatole con i suoi "Amo tanto il mio migliore amico, come farò?! Sono sfortunata sigh sigh" ogni secondo è buono per pippe mentali ogni capitolo dobbiamo sopportare le sue lagne che rendono il libro un mattone, per la prima parte ci trasciniamo stancamente in una vicenda in cui NON succede nulla, nessun colpo di scena, nessun evento strano, NIENTE, la seconda parte purtroppo non è migliore, la protagonista cambia di botto e se prima amava l'amico schioccando le dita ama il ragazzo che dall' inizio libro la tampina, di colpo i sentimenti d'amore sono spariti.... wow... che rapidità! E il migliore amico cosa farà mai? Ovviamente dopo averci ammorbato o meglio dopo aver stressato la cara migliore amica per organizzargli appuntamenti su appuntamenti con la sexy e gentile cheerleader della scuola si riscopre innamorato della migliore amica... così... a caso! Per mezzo libro la vede come un essere asessuato, sexy come un mattone e poi impazzisce d'amore... wow... W il realismo!!! Se già i protagonisti non brillano e le vicende sono la rappresentazione della noia e del disagio ci si mettono anche i personaggi secondari a peggiorare il tutto, l'amica della protagonista infatti è bullizzata da secoli da un ragazzo e decide di mettersi con lui, con il ragazzo che l'ha sempre trattata di merda... ma certo!! E se già questo non è abbastanza raccapricciante, se non è già abbastanza schifoso che una si metta con quello che è andato a letto con lei per poi riderle in faccia facendole capire che era solo una scopata e via ci si mette il... revenge porn! Ebbene si! Al primo litigio puff ecco che spunta e circola la foto del ragazzo nudo per tutta la scuola... ma che bel messaggio da dare ai giovani! Ragazzi in ascolto se il vostro tipo o la vostra tipa vi fanno impazzire o incazzare inviate a tutto il mondo una foto in cui sono nudi o intenti in atti sessuali di sicuro tutti saranno contenti e nessuno rischierà di farsi del male! Battute e ironia a parte è squallido lanciare un messaggio del genere in un libro per ragazzi, casi ormai tristemente famosi come il più recente della povera Tiziana dovrebbero dare un insegnamento a tutti e insegnare l'importanza del rispetto perchè anche solo una foto di un ragazzo o una ragazza nuda possono rovinare la vita di quella persona per sempre! Non tutti sono forti da sopportare il peso dell'umiliazione e spesso il web o i coetanei in generali sono spietati, pronti a giudicare e condannare portando a epiloghi ahimè tristi e drammatici. Avrei almeno voluto vedere una condanna di tale gesto, magari la ragazza denuciata e la storia "d'amore" finita per sempre invece neanche quello, i due si rimettono insieme e basta... come se quella foto non contasse nulla e mi ha fatto ancora più schifo... il voto di questo libro è appena 1 stellina e mezza e solo perchè sono mooolto buona!! Sconsigliata la lettura a tutti, ci sono fan fiction scritte meglio con messaggi più positivi e più interessanti!!