Recensione - Off Limits di Amelia Bell

Off Limits - Amelia Bell

Devo ammettere che non mi aspettavo assolutamente di leggere un capolavoro, sapevo fin da subito cosa mi sarei trovata davanti e le aspettative erano bassissime, non avendo iniziato la lettura nel migliore dei modi ci sono rimasta male a ritrovarmi una storia più noiosa del previsto e con una coppia inaspettata (mi era stato regalato come M/M e la coppia etero è stata inaspettata). La storia è banale e scontata, il classico bel ragazzo che si ritrova a fare il gigolò per soldi, in questo caso almeno con un motivo e non solo per soldi facili, ritroviamo il super macho, il ragazzo bello per cui tutte fanno la fila o sbavano che si crede un Dio del sesso, non bacia mai le sue "conquiste" ed è amato, apprezzato e bla bla bla, inutile dire che dopo aver avuto millemila donne, una più bella dell'altra si innamorerà dell'unica donna semplice, timidona, imbranata e rispetto ad altre anche bruttina. Cosa? Avete già sentito questa trama? Più o meno nella metà dei romanzetti erotici degli ultimi anni?

Ma cosa andate a pensare, non ho mai letto una trama più originale di questa! No davvero, neanche provando a sforzarsi la trama ci appare intrigante, se a questo aggiungiamo la noia e pagine e pagine di nulla cosmico, questo romanzetto risulta una palla al piede. Per pagine e pagine dobbiamo leggere o delle sue conquiste o dialoghi inutili tra personaggi altrettanto inutili e quando la vicenda potrebbe essere approfondita, magari con i pensieri degli amici dei protagonisti o analizzando meglio certi eventi tutto corre verso una conclusione amara, affrettata, il solito happy ending forzato, ok voler far finire bene il romanzo, ci sta per i lettori ma non si poteva magari finire in modo più realistico, che so lui rinuncia a fare il gigolò e invece di diventare un modello super pagato si mette a fare il commesso ad esempio per poter mettere i soldi da parte e aiutare l'amico ad aprire il cafè che tanto desiderano... insomma questo libretto poteva anche essere interessante se ben strutturato, poteva accorciare molte parti o modificarle, dare spazio alle vicende, affrontare temi importanti come la prostituzione e lo sfruttamento o il rapporto tra madre e figlia, la madre di Maddison dopo aver fatto la stronza scompere e basta, sarebbe stato interessante vedere un confronto tra le donne, vedere come si sviluppava il loro rapporto dopo il fidanzamento della figlia, si poteva dare ai personaggi secondari un po' spessore, spiegare qualche evento passato e includere flashback di come si sono conosciuti Blue e il suo amico ad esempio o come abbiano deciso di andare a lavorare in quel club, insomma darci qualcosa per poter almeno immaginare meglio il passato dei protagonisti, capire i loro pensieri, il loro modo di fare invece NULLA. L'unico personaggio con cui si può avere un minimo di empatia è Madison ma non perchè sia ben caratterizzata ma perchè ispira simpatia, perchè è una ragazza simile all'amica che tutti abbiamo nel nostro gruppo, la classica brava ragazza, timida, sempliciotta e simpatica! Gli altri personaggi sono al pari di una macchietta e anche il protagonista è un misto di cliche, il belloccio macho che è anche buono dentro, non sappiamo cosa gli piaccia, cosa desideri, perchè "cosetta" è meglio delle millanta donne che ha avuto nel suo letto! E se ad essere così stereotipata e banale è la voce narrante per eccellenza del romanzo, abbiamo un grosso problema!

Purtroppo questa lettura non è stata delle migliori tanto che dopo aver finito il libro non mi è rimasto nulla, neanche affetto per un personaggio, non mi sento quindi di consigliare questo romanzo dimenticabilissimo e banalotto, piuttosto andate si Wattpad, troverete romanzetti gratuiti scritti meglio.