Bruto - Kim Fielding, Stella Mattioli
"Il pianto si fece più flebile, e Gray si appoggiò al petto di Bruto. Quest’ultimo iniziò allora a mormorare una delle ninnananne che ricordava vagamente da quando sua madre era solita cantargliele, quando era piccolo e aveva bisogno di conforto.
Il corpo di Gray era fragile e ossuto contro quello di Bruto, con solo la coperta fra di loro. Bruto continuò a canticchiare cullandolo appena, cercando di non pensare a quanto fosse bella la sensazione di tenere qualcuno fra le braccia, di avere del contatto umano per qualche minuto."