Alla ricerca di Zach - Rowan Speedwell, Niccolò Cortelazzo
"“Zach,” disse David, e alzò gli occhi nello specchio del lavandino incontrando il suo sguardo. Zach realizzò troppo tardi che David poteva vederlo mentre lo guardava, riflesso nell'altro specchio. “Sto per entrare, Zach.”
“No!” ansimò Zach. “No, Taff…!”
Ma la tenda della doccia si stava aprendo, gli anelli di sostegno suonarono spostandosi sull'asta, e David era lì, di fronte a lui, il corpo abbronzato e fradicio. Si chiuse alle spalle la tenda e, prima che Zach potesse parlare, appoggiò le mani sulla sua faccia allo stesso modo della notte precedente. “Sono qui,” disse a bassa voce, “e ti guardo” aggiunse senza mai distogliere gli occhi da quelli di Zach. “E ti guardo,” ripeté, e la sua bocca trovò quella di Zach, la lingua cercò di entrare e Zach glielo permise, e lasciò che le mani di David gli scivolassero dal viso al collo, giù lungo le braccia per afferrarle e tirarle a sé e circondarsi il corpo mentre si avvicinava, e i loro corpi si appoggiarono l'uno all'altro."