SPOILER ALERT!

The Walking Dead Stagione 2: Episodio 1 - All That Remains

 Salve a tutti...  ebbene si,  finalmente è  uscita la seconda  attesissima  stagione di The  Walking Dead!

 Come la  precedente  stagione vi  saranno più  episodi, cinque  per l'esattezza  (salvo  cambiamenti) che  usciranno nel  corso del 2014  (forse anche  2015).

 L'episodio di cui  voglio parlavi  ovviamente è il  primo intitolato  "All That  Remains"

 Per la gioia di tanti fan la protagonista principale di questa seconda stagione sarà la piccola Clementine che si ritroverà ben presto sola a dover affrontare non solo i morti viventi ma anche altri esseri umani dalle dubbie intenzioni.

Incominciamo però dall'inizio. Come tutti si ricordano certamente il precedente capitolo si era concluso con la piccola Clementine sola in mezzo a un campo dopo aver perso Lee, unico vero amico e un po' un secondo padre per lei. Proprio dopo i titoli di coda Clem aveva visto due figure misteriose in lontananza.

Queste:     

Inutile dire che sul web erano scoppiate discussioni e ipotesi sull'identità dei due, la risposta più scontata era Omid e Christa e se avete pensato questo... ci avete preso! Ritroveremo Clementine, Christa e Omid , la coppia nonostante l'apocalisse zombie è felice per l'imminente nascita del loro bimbo (la gravidanza era stata annunciata nella prima stagione). Purtroppo la felicità in questo gioco è destinata a finire molto presto, Omid verrà ucciso e il gioco vero e proprio inizierà 16 mesi dopo. Christa ha apparentemente perso il bambino e il rapporto con Clem sembra essere molto teso. Le due saranno costrette a separarsi e la nostra protagonista incontrerà quello che sembra essere il nuovo gruppo del gioco formato da Rebecca (una donna incinta), Alvin (a quanto pare compagno di Rebecca e forse padre del bambino), Luke, Pete, Nick (nipote di Pete), Carlos (il leader del gruppo) e Sarah (figlia adolescente di Carlos)

Nonostante la giovane età Clementine sarà vista inizialmente come una minaccia e sarà rinchiusa. Sarà nostro compito riuscire a fuggire e far capire che non rappresentiamo assolutamente un pericolo per la piccola comunità.

Al contrario del precedente gioco non troveremo un vero e proprio sostegno, nella prima stagione, già solo nel primo episodio Lee aveva incontrato persone fidate e destinate a diventare (seppur per poco tempo) amici e confidenti, il mondo del primo TWD era ancora un mondo umano, fatto da persone crudeli certo ma anche da persone che cercavano di aiutarsi e affrontare come possibile quella terribile minaccia, in questo secondo capitolo invece no... non vi è più compassione, i colori stessi e le ambientazioni danno l'idea di quanto il mondo sia irrimediabilmente cambiato, non vi è più speranza ma rassegnazione. Non ci stupiamo più di vedere morti ovunque, la stessa bambina in qualche modo innocente della prima stagione è sparita lasciando il posto a una Clementine molto diversa, più matura, più adulta, più sofferente e dura rispetto all'ambiente che la circonda.

Questo episodio è in qualche modo un pugno allo stomaco, e non lo è tanto per quello che succede, alla fine non perdiamo persone a noi care (come era successo nella precendente stagione ad esempio nell'episodio 3) ma è un colpo al cuore vedere come il mondo è cambiato. Gli stessi "buoni" non sembrano essere più così buoni, non hanno pietà neanche di fronte a una bambina non esitando a "condannarla" a morte per timore di aver a che fare con una infetta.

Fa male vedere una tale mancanza di umanità da parte di un padre con una figlia, da parte di un uomo che dovrebbe in qualche modo intenerirsi, stesso discorso per Rebecca... come può una donna prossima al parto rifiutare il suo aiuto a una bambina?

E' questo quindi che mi ha fatto stare male e mi ha dato un senso di rabbia e malessere.

Non posso dire che questo capitolo sia meglio della prima stagione, se devo infatti prenderlo singolarmente e non come proseguo della saga mi ha un po' deluso... mi aspettavo qualcosa di più e qualcosa di diverso. Non ci sono stati avvenimenti ecclatanti e rispetto al primo mi è parso più corto, forse proprio per la mancanza di eventi particolamente significativi (almeno per me).

Sono felice per la scelta di utilizzare il personaggio di Clementine, nonostante non mi stasse inizialmente molto simpatica con il corso della precedente stagione ho avuto modo di apprezzarla e affezionarmi a lei, introdurre un nuovo protagonista sarebbe stato troppo strano e questo è stato già confermato nel a mio avviso deludentissimo 400 Days.

Sono stata inoltre felice di rivedere Omid e ho sofferto un casino a vederlo morire così dopo pochi minuti T_T il mio povero Omid T___T

Mettiamo una foto del suo faccino per ricordarlo <3

 

Cosa? Christa? Ah già... c'è anche lei e no, la risposta è... non mi fa piacere rivederla e soprattutto sapere che è sopravvissuta mi irrita tantissimo (perchè non è morta lei al posto del mio maritino Omid???)

Cos'altro posso dire... il gameplay non è cambiato così tanto rispetto alla scorsa stagione e quindi non ci saranno troppe difficoltà per gli "esperti" nè per i neofiti della serie come nel primo capitolo ci ritroveremo spesso a dover scegliere che cosa rispondere quando verremo interpellati o in determinate scene, al momento non mi è ancora chiaro se effettivamente certe scelte porteranno a ripercussioni o se come la prima stagione il tutto sarà solo un bluff e alla fine anche rispondere bene o male a pinco pallino sarà inutile. Bisognerà sicuramente aspettare i prossimi episodi e dire che li attendo con ansia è dire poco, così da capire se ci saranno delle scelte più forti in base al nostro comportamento o meno. Fino ad allora nel dubbio provo a immedesimarmi e scegliere con attenzione cosa fare.

Detto questo quali sono i contro?

Presto detto

  1. Mancanza di colpi di scena forti: A parte la morte di Omid (lacrime time) e lo scontro finale con gli zombie con Pete e Nick non c'è stato chissà cosa, non posso dire di essermi annoiata però...

  2. Il cane: Questa scena è stata criticata da tutti e io come animalista non posso NON criticarla. A un certo punto dell'episodio Clem incontra un cane, il cane è socievole e possiamo scegliere di giocare con lui, basterà trovare un barattolo di cibo e aprirlo che il cane ci aggredirà mordendoci. Clem spingerà l'animale per difendersi e lui rimarrà conficcato in dei pezzi di ferro che lo trapasseranno mortalmente. Sarà a noi scegliere se ucciderlo e porre fine ai suoi dolori e lamenti o lasciarlo morire atrocemente. Posso dire da brava stronza che ho pianto più per il cane che per la morte di Omid e tutti gli altri personaggi morti della scorsa stagione? Si... sono crudele ma la morte non necessaria di un cane anche solo in un videogame mi fa malissimo e l'ho trovata una cosa di pessimo gusto perchè inutile... senza contare che un cane non impazzisce così di botto se è un cane domestico (si capisce che lo è girando per il campo e trovando anche una foto di lui con il padrone)... scelta assurda e crudele! Una stella in meno già solo per quella scena!!!

  3. Mancanza di una vera e propria innovazione: Nel gameplay a parte qualche cambiamento non vedo nessuna innovazione particolare

 

Mmm pensandoci bene, non so che altro mettere nei contro, potrei mettere che è il secondo capitolo più brutto della saga dopo 400 Days ma volendo analizzarlo singolarmente non lo metterò nella lista non essendo per me un vero e proprio contro a questo punto...

Quindi consiglio il gioco? Si, soprattutto ai fan della serie, ritroverete 3 vecchi personaggi e controllerete Clementine. Se non avete ancora giocato alla saga iniziate a giocare tutto dal primo episodio della prima serie altrimenti rischiate di perdervi i pezzi della storia e non capirete fino in fondo la protagonista e le sue emozioni.

Detto questo vi saluto e vi invito alla prossima recensione